Cari amici dei cani,

Ricordo che il mio primo cane ci corse incontro: Schnappi, un piccolo e dolce meticcio. Mi ci sono subito affezionato. Quello stesso amore continua ancora oggi

per i miei tre cani. È per questo motivo che alla Happy Dog diamo il nostro meglio per produrre cibo sano per cani – per ogni taglia, esigenza ed età. Affinché anche voi diate il vostro meglio sin dall'inizio, leggete i nostri consigli preziosi dedicati all'alimentazione particolare del vostro cucciolo di cane.

Cordialmente,
il vostro Georg Müller

Happy Dog, Georg Müller
Georg Müller

Titolare & amministratore

Il tuo cucciolo di cane – consigli per una crescita sana

Così il tuo cucciolo di cane rimane in salute

Affinché il tuo cane abbia una vita lunga e piacevole l'alimentazione deve essere adeguata
alle diverse fasi di vita  e necessità, fornendo tutto quello che il cucciolo ha bisogno per crescere in modo sano.

I cuccioli hanno esigenze particolari

Tutti i cuccioli hanno bisogno di un apporto decisamente maggiore di proteine e grassi, soprattutto nei primi mesi di vita. Inoltre è importante che il rapporto tra i vari minerali sia bilanciato. Quando si somministra un cibo completo per cuccioli (per esempio Mini Baby & Junior, Medium Baby, Maxi Baby) è meglio evitare l'integrazione con prodotti complementari contenenti minerali per non eccedere per esempio con Ca e vitamina D.

 

 

A partire dal 5° fino al 6° mese compiuto (ovvero dopo la dentizione), si deve evitare di somministrare ai cani di taglia media o grande un'alimentazione con apporto proteico troppo elevato. A questa età la fase di crescita è quasi conclusa e il fabbisogno di proteine diminuisce sempre di più. Un cibo troppo nutriente potrebbe danneggiare ossa, articolazioni e legamenti. Per questo motivo, a questa età si consiglia di passare ad una alimentazione specifica per cani giovani  con un apporto proteico adeguato - per esempio Medium Junior, Maxi Junior.

Lasciati consigliare dal team Happy Dog

I nostri veterinari del Service Center Happy Dog risponderanno volentieri in modo personalizzato alle tue domande sull'alimentazione.

Qual è la quantità giusta di cibo per il mio cucciolo?

Per stabilire la quantità di cibo ideale, in modo particolare nel caso di animali giovani cresciuti troppo velocemente rispetto alla media e quindi "troppo grandi", bisognerebbe basarsi più sul "peso ideale" commisurato all'età e alla razza e non sul peso reale del momento ("peso reale"). Alimentando un cucciolo troppo grande e pesante secondo il peso reale  si continuerebbe ad incentivare una crescita troppo repentina.

Quante volte al giorno deve mangiare il mio cucciolo?

  • Fino a 4 mesi: 4 pasti al giorno,
  • Fino a 6 mesi: 3 pasti al giorno,
  • A partire da 6 mesi: 2 pasti al giorno

Anche per i cani adulti è consigliabile somministrare da uno a due pasti al giorno suddividendoli non semplicemente a metà ma per esempio 1/3 della porsione la mattina e 2/3 la sera (o viceversa). Per una prevenzione ottimale del meteorismo si consigliano addirittura almeno 3 pasti al giorno.

Quando devo passare al "cibo per adulti"?

  • Melle razze piccole (fino a 10 kg) si passa ad un "cibo per adulti" adeguato tra i 9 e i 12 mesi.
  • Nelle razze medie (11-25 kg) il passaggio avviene a tra i 12 e i 15 mesi.
  • Nelle razze giganti, poiché la crescita è quasi conclusa tra i 15 e i 18 mesi, il passaggio al "cibo per adulti" avviene a quell'età. Quando si passa dal cibo per cuccioli a quello per adulti?

Il cibo di proseguimento viene scelto a seconda della razza, del metabolismo e della prestazione (per esempio Adult Mini per cani adulti fino a 10 kg con fabbisogno energetico normale, Adult Medium per cani adulti da 11 a 25 kg con fabbisogno energetico normale, Adult Maxi per cani adulti a partire da 26 kg con fabbisogno energetico normale).

Quando accoglierai  in casa il nuovo "inquilino" non trascurare il fatto che dovrà sperimentare tante cose nuove. Non ha più intorno a sé l'ambiente abituale, i suoi fratelli e la sua vecchia famiglia e quindi si deve dapprima abituare a tutto ciò che è nuovo per lui. Lasciagli tempo!

Anche se provi tutto l'amore possibile e guardando il tuo piccolo amico a quattro zampe ti spunteranno i cuoricini negli occhi, ci saranno momenti in cui proverai l'istinto di spedirlo sulla luna senza biglietto di ritorno. Per esempio quando ha appena mordicchiato il terzo paio delle tue scarpe preferite.

In quel momento, al più tardi, ti sarà chiaro che è giunto il momento di cominciare con l'educazione di base del cucciolo. I consigli che seguono si soffermano su pochi punti basilari che sono tuttavia quelli più importanti che il cucciolo deve imparare.

I "bisogni"

Fare i bisogni è una delle cose più importanti che un cucciolo deve imparare per preservare il tuo tappeto e i nervi di tutte le persone coinvolte. Nelle prime settimane devi tuttavia portare pazienza. Porta fuori il cucciolo regolarmente e  a distanza di qualche ora, anche alla notte, perché non riesce a trattenerla per tutta la notte.

In genere i cuccioli devono evacuare direttamente dopo aver dormito, mangiato e durante/dopo il gioco. Se fa i suo bisogni fuori devi lodarlo in modo gioioso ed evidente. Se lo scopri in "flagrante" dentro casa, devi dire "no" ad alta voce e portarlo in giardino. Se avrà fatto qui i suoi bisogni allora lodalo in modo evidente. Se i bisogni li ha già fatti sul tappeto, vuol dire che sei arrivato troppo tardi e ti tocca pulire. È inutile rimproverarlo per questo, non avrebbe senso perché il cucciolo non sarà in grado di comprendere il nesso.

Vieni! oppure: Come mi chiamo?

Affinché il tuo cucciolo impari come si chiama, chiamalo per nome e dagli contemporaneamente il suo cibo. In genere il cucciolo impara molto presto che ti rivolgi a lui e che quando chiami il suo nome ti aspetta qualcosa di fantastico. Ora puoi allontanarti dal cucciolo un paio di metri con il cibo in mano e poi chiamarlo per nome. Se arriva dagli una ricompensa.

Il prossimo passo è di chiamarlo per nome quando non ha l'attenzione rivolta verso di te. E con questo passiamo all'alto punto importante: Il tuo cucciolo deve imparare che è lui che deve fare attenzione a te e non il contrario! Sfrutta un momento di disattenzione da parte sua per nasconderti e chiamare il suo nome. Non allontanarti troppo però. Se sopraggiunge dopo averlo chiamato lodalo con entusiasmo. Puoi anche allontanarti da lui esultando, anche questo attirerà la sua attenzione e ti correrà dietro. Quando è da te, ricompensalo con del cibo o un gioco.

No!, Basta!, Sciò!

Certe cose che possono essere piacevoli nei cuccioli, possono non esserlo più quando diventano grandi. Per tale motivo il cucciolo deve imparare che non può sempre fare quello che vuole. Anche nei confronti dei fratelli, della madre o di altri cani più vecchi vale la stessa cosa. Quindi non soprassedere su ogni cosa – decidi tu cosa permettergli.

Per prima cosa però deve imparare cosa vuol dire "no".

Prendi in mano uno snack e porgilo al cucciolo. Se Fido vuole metterlo in bocca, chiudi la mano dicendo "no". Dopo poco riapri la mano e ripeti il gioco. In genere i cuccioli imparano molto velocemente cosa vuol dire "no". Ora apri la mano e offri il cibo al cane dicendogli "prendilo". Non passerà molto tempo e Fido avrà capito di prendere il boccone quando sentirà il tuo "prendilo".

Una volta che questo funziona, aumenta le pretese e appoggia lo snack a terra. Fai attenzione tuttavia ad essere più veloce del tuo cane se ce ne dovesse essere bisogno. Ripeti questo esercizio più volte; prima in ambienti domestici dove il cane ha poche distrazioni e successivamente anche fuori. Se pratichi questo esercizio regolarmente e in modo coerente, senza "incidenti" di percorso, dopo poco tempo il "no" funzionerà nel verso giusto anche nella quotidianità.

I "no" sono di vitale importanza e aiutano ad evitare i pericoli.

Correggere i comportamenti

Se il cucciolo oltrepassa i limiti di un comportamento consono, devi farglielo notare. In alcuni casi basta ignorarlo come per esempio quando il suo approccio nei tuoi confronti è troppo invadente o scatenato. In questo caso pronuncia in modo chiaro "basta", alzati e vai via, il cane avrà perso la cosa più importante e si ritroverà solo.

Se tuttavia interrompere un certo tipo di comportamento non bastasse oppure, come già accennato, stesse mordicchiato il tuo paio di scarpe preferito, ignorarlo non porterebbe a niente: in questa situazione per il cucciolo non fa differenza se tu vai via o no. I segnali chiari di interruzione qui non funzionano. Non è comunque così drammatico se reagisci subito in modo inequivocabile e adeguato alla situazione. Poni dei limiti avvicinandoti direttamente a lui oppure piegandoti verso di lui fissandolo. Se questo non bastasse puoi anche spintonarlo e farlo cadere. Anche se a dirlo potrebbe apparire duro, non è così tragico come sembra. Se si è già osservato il comportamento di cani senior con i cuccioli, si sa che non vanno troppo per il sottile. In questo modo imparano la lezione e non si deve ripetere sempre la stessa cosa. Noi esseri umani possiamo imparare ancora molto dai cani per quanto riguarda il modo di agire immediato ed inequivocabile. Non succede mai di vedere i cuccioli ignorare i segnali di interruzione da parte di cani adulti mentre non è raro che non prendano sul serio quelli delle persone. Con i cuccioli è tutto più semplice e quello che con loro risulta dolce potrebbe essere tutt'altro che dolce quando sono adulti.

Molto importante relativamente a questo è che i cani non sono rancorosi. Anche i questo caso dovremmo prenderli da esempio e imparare da loro. Ignorarli per un periodo protratto non è la cosa giusta da fare, al contrario è dannoso per il rapporto uomo-cane. Accettare un'"offerta di perdono" del rimproverato è molto importante e rinforza la fiducia del vostro cane.

Ricerca